Esplora contenuti correlati

La prevenzione dei tumori del colon e del retto direttamente a casa

L’Ulss 4 è stata scelta da Azienda Zero per avviare un progetto pilota che ha lo scopo di ampliare l’adesione dei cittadini al programma di screening per la prevenzione dei tumori del colon e del retto, mediante il test del sangue occulto nelle feci. La presentazione è stata effettuata ieri, lunedì 11 settembre, nella sede centrale dell’Ulss 4, alla presenza del direttore generale Mauro Filippi, del direttore sanitario Francesca Ciraolo, dei direttori Anna Pupo (dipartimento di prevenzione), Davide Giacomin (gastroenterologia), Alessandra Favaretto (Servizio Igiene e Sanità Pubblica- SISP).

Il programma di screening regionale attuale prevede che persone di età compresa tra 50 e 69 effettuino il test ogni biennio e per questo vengono informate mediante lettera inviata dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica della propria Ulss, la stessa li invita inoltre a recarsi in farmacia per ritirare e poi consegnare la provetta con il campione delle feci.

Il progetto sperimentale avviato all’Ulss 4 prevede invece l’invio della provetta direttamente a casa del cittadino insieme alla lettera di invito a partecipare allo screening. I comuni interessati alla novità in questa fase sono Caorle, Cavallino Treporti, Jesolo, San Michele al Tagliamento e San Stino di Livenza, i cui  residenti tra pochi giorni inizieranno a ricevere la novità  a casa, l’invito ad effettuare il test e a consegnare la provetta direttamente nella sede del distretto sociosanitario del proprio comune. Per agevolare la consegna della provetta, le sedi distrettuali saranno aperte tutti i giorni, dal lunedì al venerdì,con ampia fascia oraria.

Se il test risulterà positivo la persona verrà contattata dal servizio screening ed invitata ad effettuare un’indagine approfondita per escludere la presenza di un tumore o di una lesione precancerosa, come un polipo o un adenoma, mediante l’effettuazione di una endoscopia o di una colonscopia.

L’invio della provetta a casa faciliterà l’effettuazione del test e dovrebbe favorire l’adesione al programma di prevenzione. Se la sperimentazione avrà buon esito verrà estesa in tutto il territorio regionale.

Data creazione: 12-09-2023 | Data ultima modifica: 12-09-2023

<< <  ... 106107108109110111112113114 ...  > >>